Interventi del Parroco don Mario

29 marzo 2020

Carissimi parrocchiani, voglio condividere con voi su queste pagine del sito della parrocchia, quanto mi sono trovato a leggere questo pomeriggio davanti al S.S. Sacramento, esposto anche oggi, come sempre nella nostra Chiesa: si tratta del messaggio del nostro Arcivescovo per la pasqua. L’ho trovato bello, vero, consolante; soprattutto l’ho avvertito come di grande aiuto nel vivere la fede che ci è stata donata, la stessa fede chiesta alle sorelle di Lazzaro. Quella fede che davvero fa la differenza nel vivere quotidiano… sempre e in particolare in questi tempi.
Il messaggio Lo si trova certamente in internet; ma voglio essere io a farvelo conoscere.

SCARICA >> Mario Delpini – La potenza della Sua Resurrezione

 

28 marzo 2020

Questa mattina ho iniziato la S. Messa avendo impressa nella mente l’immagine del Santo Padre che percorre lo scivolo che lo conduce all’altare allestito in piazza San Pietro. Solo, affaticato, quasi claudicante; fragile… un “nulla” rispetto a ciò che si accingeva a fare… un “nulla” di fronte alla tempesta che sta avvenendo ma – pensavo – quella apparente fragilità e quella apparente impotenza nelle quali non possiamo non riconoscerci, in realtà sono segno della grandezza dell’uomo che sta davanti a Dio, quando sta davanti a Dio.
In quell’uomo, il Papa, solo, fragile, mi sono ritrovato io personalmente e ho voluto ritrovare tutti i miei parrocchiani che, durante la Messa, ho poi condotto con me davanti a Cristo che si offriva sull’altare per tutti noi.

 

27 marzo 2020

Ho assistito in TV alla preghiera del Papa.
In quei momenti, ho avvertito di essere parroco come non mi era mai accaduto prima e avrei voluto poter parlare a tutti i miei parrocchiani per far loro sapere che sono vicino a loro nella preghiera in modo particolare in due momenti della giornata: quando celebro la s. Messa, e il pomeriggio davanti al Ss. Sacramento.

Racconti al tempo del coronavirus

Vi invitiamo ad inviare dei pensieri di condivisione e speranza su come stiamo vivendo questi giorni, al fine di aiutarci a rimanere in comunione ed edificare il nostro cammino. Chi volesse può inviare il proprio contributo a don Alessandro ([email protected]).

****

Una considerazione che facciamo in tanti è che credevamo di avere tutto sotto controllo e invece la realtà ci dice che non è così. Tra noi cristiani diciamo sempre che siamo fragili e impotenti, ma in fondo in fondo crediamo alla nostra capacità e bravura di far andare avanti le cose, e quello che sta accadendo ci disorienta. Per me all’inizio di questa situazione è stato così, ma poi mi è venuta subito la necessità di cercare i volti degli amici che mi testimoniano la presenza del Signore che mi fa compagnia e di aderire alle occasioni di preghiera in chiesa o in tv, come bisogno di affidarmi a Qualcuno di più grande che mi fa momento per momento e ha a cuore la mia vita. Ora sono isolata in casa, ma il fatto che non possa più portare avanti nemmeno i progetti “buoni” come la caritativa, la comunione agli anziani ammalati, il pacco ai bisognosi, mi fa riconoscere ancora di più che tutto è Suo. E’ una strana Quaresima dove non sono stata io a scegliere “il fioretto” ma dirgli di sì porterà a un bene, perché mai come adesso sono vere le parole “senza di Me non potete fare niente” però posso pregare per quelle persone, cioè fare la cosa più necessaria.

Patrizia

Esposizione del S.S. Sacramento

Continua, nella nostra chiesa, l’esposizione del S.S. Sacramento tutti i giorni (ad eccezione del venerdì, ma compresi sabato e domenica) dalle 16.00 alle 19.00.
E’ un gesto che intende richiamare la presenza misericordiosa di Cristo, nella nostra Parrocchia e nel nostro quartiere.

LUI E’ QUI.

Ogni sera, attorno alle ore 19.00, prima della riposizione del Santissimo Sacramento, don Mario invoca la divina benedizione sui presenti, sui loro cari, sulla parrocchia e sul Quartiere.