In Duomo la Messa per don Giussani

Le lunghe attese, in una fila paziente che arriva fino ai margini di Piazza Duomo, per poter entrare nella Cattedrale dai mille, necessari, controlli. E, poi, all’interno, la gente che affolla le navate, seduta per terra, in piedi in ogni angolo. È la memoria che non si spegne, anche se sono passati dodici anni da quando, tra le stesse navate, fu l’allora cardinale Joseph Ratzinger a presiedere la celebrazione eucaristica per la morte di monsignor Luigi Giussani, oggi Servo di Dio. Così, per ricordare l’anniversario della scomparsa del fondatore di Comunione e Liberazione (avvenuta a Milano il 22 febbraio 2005) e il XXXV del riconoscimento pontificio della Fraternità di Cl (11 febbraio 1982), sono moltissimi coloro che il 28 febbraio arrivano in Duomo per la Messa presieduta dal cardinale Angelo Scola, concelebrata dal presidente della Fraternità don Julián Carron, dal Vicario generale monsignor Mario Delpini, dal Vicario episcopale per la Vita consacrata maschile monsignor Paolo Martinelli e da una trentina di sacerdoti, tra cui l’assistente ecclesiastico diocesano di Cl, don Mario Garavaglia. Nelle prime file siedono i familiari di don Giussani, i nipoti, il fratello Gaetano e la sorella Livia.

L’intenzione della Messa milanese – come di tutte le centinaia che, in questi giorni, vengono celebrate in Italia e nel mondo a ricordo del fondatore – è letta dal vicepresidente nazionale della Fraternità Davide Prosperi: «Chiediamo a Dio la grazia di seguire senza riserve l’invito di papa Francesco a mendicare e imparare la vera povertà che descrive ciò che abbiamo nel cuore veramente: il bisogno di Lui, per vivere la vita sempre come un inizio coraggioso rivolto al domani». I canti, la Messa votiva dedicata a “Maria vergine madre del bell’amore”, le letture del giorno – Qoèlet e il Vangelo di Marco al capitolo 12 -, segnano la forza liturgica dell’Eucaristia che si sta vivendo in Cattedrale, mentre tanti, che non sono riusciti ad entrare, seguono, dagli altoparlanti posti sul sagrato.

Proprio dalla prima lettura prende avvio l’omelia dell’Arcivescovo: «“C’è un tempo per nascere e un tempo per morire”. Già tre secoli prima di Cristo Qoèlet stabilisce un tempo per ogni cosa, strappandola al caos e al non-senso. Ma la saggezza del Qoèlet è ancora zavorrata dalla necessità perché, tutto ritorna sempre uguale. È una tentazione che, se non vigiliamo, ci può sorprendere e abbattere fino a farci perdere il valore della vita come dono che conduce ad affrontare anche la morte, in tutta la sua dolorosa drammaticità, come abbandono». In questo tempo tutto umano, che Sant’Agostino definì come un’«attesa», si comprende allora come l’intera esistenza sia vocazione, da vivere con «responsabilità nel tempo che ci è concretamente dato, il “nostro” tempo», secondo il Vangelo di Marco al capitolo 12.

Nasce qui, nelle parole del Cardinale che cita papa Francesco, la richiesta «di rispondere al disegno di Dio qui e ora, crescendo nell’ascolto della realtà, della storia e riconoscendo la chiamata del Signore». Occasione privilegiata per farlo, la visita del Santo Padre a Milano: «Mi aspetto, pertanto, un’attiva partecipazione fatta anche dell’invito, rivolto a tutti, a incontrare papa Francesco nella celebrazione eucaristica al Parco di Monza».

Dalla liturgia della Messa per “Maria vergine Madre del bell’amore”, che «descrive la vocazione e la missione del cristiano in termini di bellezza e di pellegrinaggio», arriva da Scola l’ulteriore consegna a «essere consapevoli della meta» di tale viaggio terreno. «Il Servo di Dio Luigi Giussani ha educato non poche generazioni a guardare alla vita eterna non solo come al traguardo finale, ma a riconoscerne gli anticipi fin nel centuplo quaggiù. Il centuplo è quell’irruzione dell’eterno nel quotidiano che non può essere confuso con il potenziamento delle nostre forze, neppure dei nostri desideri. È una stabile novità che alimenta e dà all’esistenza personale, ecclesiale e sociale il dolce sapore del dono. Il centuplo quaggiù, come caparra della vita eterna, è in definitiva, il rapporto con Cristo presente. Il Suo pensiero, i Suoi sentimenti, sono tutto per noi». Sono «quel punto fermo», che l’Arcivescovo sottolinea ripetendo due volte l’espressione di un giovane morto a 17 anni.   

«La fatica, il dolore, ogni genere di prova, e persino la stessa morte, non sono obiezione alla felicità propria della vita eterna, non spengono il fascino con la malinconia dolorosamente annoiata o, all’opposto, con il nichilismo gaio che frustrano la sete di bellezza propria di ogni uomo e di ogni donna». Una “bellezza” che il carisma del Servo di Dio indica, anzitutto, «secondo una modalità di stare dentro il reale che, in senso generale, possiamo chiamare “lavoro”».

Chiaro anche il richiamo alla «comunione ecclesiale», quale indizio della vita eterna nel presente. «In questi anni ho molto insistito su come la vita della Chiesa, soprattutto della nostra estesa Chiesa ambrosiana, debba esprimersi secondo quella pluriformità nell’unità che le è propria – spiega il Cardinale -. Il metodo di vita cristiana così vissuto esalta la potenza del carisma di don Giussani, carisma di apertura totale a partire da ogni fedele battezzato». E tutto questo per essere quella “cosa sola” che chiede il Signore “perché il mondo creda”. Il ringraziamento per «la numerosa presenza in Duomo e, quotidianamente, nella vita della nostra amata Chiesa ambrosiana», precede due raccomandazioni «a cui tengo particolarmente», scandisce l’Arcivescovo: «Abbiate sempre gli occhi fissi in Gesù e abbiate un cuore largo, pieno di amore gli uni per gli altri, tesi ad annunciare a tutti la letizia del Vangelo».

Alla fine della celebrazione è don Carron a esprimere la gratitudine «di tutti gli amici di Comunione e Liberazione» e a ricordare «la trepidazione» per la visita del Papa: «Chiediamo al Signore la grazia che la fedeltà al carisma di don Giussani ci renda sempre più pronti, nella sequela di Pietro, a uscire incontro ai nostri fratelli uomini nel condividere con carità, realismo e creatività, il loro bisogno di felicità». 

Il pensiero finale del Cardinale, prima dell’applauso che lo saluta all’uscita del Duomo, è per la Causa verso gli altari del Servo di Dio: «Vi spingo a proseguire nella preghiera e nella bella pratica di visitare la tomba di monsignor Giussani, così come a segnalare dati, fatti e circostanze che possano aiutare il suo cammino verso la canonizzazione. Nello stesso tempo vi invito alla pazienza, perché sono procedimenti molto lunghi, soprattutto per coloro che hanno scritto molto. Con il passare del tempo, il suo volto si fa più luminoso ai nostri occhi e sostiene il nostro cammino ogni giorno più intensamente. A questo dobbiamo guardare perché si attui anche il suo cammino verso gli altari. Occorre vivere in pienezza, nel suo carisma, quella responsabilità che, come cristiani, portiamo nei confronti di tutti i nostri fratelli uomini. Più ci lasciamo guidare dallo sguardo che ha suscitato in noi la bellezza dell’essere figli di Dio, più qualunque forma di appartenenza alla Chiesa in particolare il regime di comunione che la regge, riempie la nostra vita e la nostra gioia sarà sempre più piena».        

 

Un ottobre vorticoso

Un torrente vorticoso. Se mi guardo alle spalle e provo a riconsiderare le ultime settimane di ottobre, è questa l’immagine che subito mi si affaccia. Provo a ripercorrere l’agenda: inizio dei catechismi, Festa dell’Oratorio e incontro con don Cristiano, Giornata inizio Cavalieri al Monte Stella, incontro col vescovo Adelio dell’Oro e Santa Cresima, Esercizi spirituali, Festa di All Hallow’s Eve (Vigilia della Festa dei Santi). Il torrente porta continuamente acqua nuova, fresca e spumeggiante che rinvigorisce la vita dei luoghi attraversati; qualche volta è anche vorticoso, un po’ troppo veloce e stargli dietro può rivelarsi una mezza impresa. Ma che ci volete fare! Lo Spirito Santo è sempre all’opera, ed è un tipo con le bollicine dentro. Per cui, per provare a non perder niente dalla memoria, brevemente un flash su ogni tratto di questo grande mese di ottobre.

Inizio dei catechismi: ovvero tornare a guardare sguardi e volti assetati di Vita e di amicizia, associare ogni volto a un nome da portare nella preghiera al buon Dio, e provare a giocarsela in quell’ora scarsa perché un Altro possa fare capolino tra parole, canti, giochi e amici.

Festa dell’Oratorio: la commozione di vedere “tutti” i miei ragazzi alla Messa e la gratitudine per tanti adulti (che non hanno nient’altro da fare!!!) che si mettono in gioco in una comunione vissuta per accompagnare questi giovani amici nella grande avventura della Fede. Ma anche la grande testimonianza di don Cristiano, che ci ha raccontato di come, nel dir di sì ogni giorno a Gesù, sta scoprendo il compiersi entusiasmante di una promessa per la sua vita intuita parecchi anni prima.

Ben 1200 Cavalieri di Sobieski al Monte Stella: sono queste le cifre da capogiro di un gesto incredibile svoltosi in una domenica quasi primaverile di metà ottobre. Dalla Liguria, dalla Svizzera e dal Piemonte, oltre che da tutta la Lombardia, tutti questi ragazzi hanno risposto a un invito che papa Francesco ha fatto a tutti i giovani pochi mesi fa durante il Giubileo dei ragazzi: “Mai vivacchiare, ma vivere!”. Coinvolti in canti e balli scatenati, i ragazzi hanno giocato tenendo conto dei loro desideri più profondi e hanno così scelto a quale gioco-app da smartphone appassionarsi. Ma ecco alcune loro parole catturate al volo: “È stato fantastico! Un pomeriggio speciale passato in amicizia, divertimento, allegria. Il momento migliore è stato quello di gioco in cui ci siamo riuniti tutti e abbiamo lanciato dei palloncini giganti”.

Incontro con il vescovo e Cresima: li conosco bene questi ragazzi del venerdì, e spesso con loro io ed i catechisti abbiamo perso la pazienza. Ma come mai quest’oggi sono così diversi, contenti e stupiti? Forse che lo Spirito Santo si sta portando avanti con loro? Che cosa c’entra lo Spirito Santo con le patate? Bisognerebbe chiederlo alle babushke delle steppe kazake! Io ho solo capito che le nonnine che mettono lo Spirito Santo nella loro minestra, anche se hanno cent’anni vedono e capiscono di più della vita di chi Dio nella vita proprio non lo vuole.

Esercizi Spirituali: tre giorni di incontri, di ascolto e di lavoro per scoprire ancora una volta che senza l’esperienza personale della misericordia, senza il rimanere fedeli al metodo che Dio continua a scegliere per farsi riconoscere dall’uomo (una storia particolare che porta, come chiave di volta, il significato e la speranza per la vita di tutti), senza il comunicare la propria vita a partire da quello che ci è successo, si rischia solo di diventare complici di mentalità in cui le cose più sacrosante sono ormai diventate irreali.

Halloween, no scusate All Hallow’s Eve: è il terzo anno che con i bambini più piccoli e i loro genitori viviamo questo momento di festa in cui al centro c’è la Pesca dei Santi: santino e dolcetto. Ognuno pesca da un mega cesto il santo che sarà il suo protettore per tutto il prossimo anno, impegnandosi a conoscerlo e a pregarlo. È un modo semplice e bello di custodire e incrementare nella vita di ciascuno quel tesoro di Grazia che è la Comunione dei Santi e la loro intercessione per tutti i nostri bisogni.

Dopo questo mese vissuto spericolatamente mi sembra di comprendere meglio le parole di Gesù a proposito di centuplo, e poiché mi sento affezionato a ciascun lettore di Nuovi Avvenimenti, non posso non estendervi l’augurio di una Vita “spericolata” sulle orme di Gesù, o se preferite di un po’ di rafting sullo stesso torrente vorticoso animato da Gesù e dal suo Spirito.

                                                                                                                                        Don Alessandro